Come valutare il Miglior Prestito Personale

Il miglior prestito personaleValutare il miglior prestito all’interno di una determinata selezione è una cosa abbastanza difficile, in quanto comporta una valutazione di varie condizioni tra le quali il TAEG – l’indice che consente la valutazione del Tasso Annuo Effettivo Globale – che include tutti i costi collegati al finanziamento.

Capire quali sia il finanziamento migliore, è una operazione relativamente complessa, in quanto richiede la valutazione di svariate condizioni, tra le quali alcune sicuramente in grado di variare da persona a persona. È semplice comprendere come – a parità di somma concessa in prestito – il prestito migliore sia quello che consente di pagare un costo inferiore.

 

Ottenere il finanziamento con le migliori condizioni richiede, quindi, una serie di operazioni. Intanto, come consigliato su ioprestitionline.it,richiedere il maggior numero di preventivi che non implicano – per il richiedente – alcun obbligo, ma sono in grado di fornire le informazioni che consentono di valutare la scelta più vantaggiosa ed adatta alle proprie esigenze. La valutazione del costo è la cosa più problematica, perché richiede di far chiarezza sul costo del finanziamento indicato dal TAEG.

Questo indice, come abbiamo accennato più sopra, include tutte le voci di spesa, tra le quali – oltre agli interessi calcolati su base annua – vanno inserite le spese di istruttoria, le eventuali spese notarili (se si sta valutando un mutuo), di assicurazione, di incasso rata ed altro. Inoltre, possiamo considerare come più economico il finanziamento che a parità di costi e di importo erogato richiede il quantitativo inferiore di garanzie, in quanto sono uno costo non visibile sempre a carico del richiedente. Vanno inoltre calcolate le spese ed i rischi che si pagano in caso di ritardato pagamento o di mancato pagamento – prevedendo, così, il caso in cui non si riesca a pagare una rata del finanziamento – e di estinzione anticipata che – per legge – non possono superare l’1% del capitale residuo.

Se Ti Piace Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrShare on StumbleUpon